Posts Tagged "gender"


cuoche ribelli
 

L’8 OVUNQUE:

 

“Cuoche Ribelli”

Letture, Assaggi, Musica

 
Giovedì 9 marzo, ore 20:30
Evento Facebook: https://www.facebook.com/events/1746427635686073/

 

Non c’è libertà che non contempli quella dei sensi e le condizioni del godimento. Non v’è alcun piacere, senza libertà.

 

Durante la serata:

 

> LETTURE tratte dal libro “Cuoche ribelli”*

> ASSAGGI delle ricette contenute nel libro

> MUSICA LIVE con i Brigata Riva Sinistra* (Milano/Parma)
Una serata incentrata sulla cucina sfrontata, impudente, ribelle: un punto di vista interessante sul tema dell’alimentazione e sul ruolo della donna, nella rivoluzione e in cucina.

 

Ingresso libero

 

________________________________

 

*CUOCHE RIBELLI (2013, DeriveApprodi Editore)

“La cucina impudica”, “La cuoca di Buenaventura Durruti”, “La cuoca rossa” sono tre diari anonimi redatti rispettivamente da una prostituta parigina negli anni venti del secolo scorso, da una militante anarchica durante la guerra civile spagnola, da una spartachista tedesca ai tempi della repubblica di Weimar.

Negli scritti le tre donne affiancano aneddoti personali, ricordi, incontri e racconti di azioni politiche a ricette, complete di elenchi di ingredienti e metodi di cottura, condimento e guarnizione.

Un vero e proprio ricettario del Novecento europeo, declinato nelle specifiche tradizioni nazionali delle tre cuoche, ineggiante al desiderio di vita, alla passione e alla creatività a dispetto delle tragedie, dei totalitarismi, della paura che fanno da cornice ai diari.

Dai piatti ammalianti della parigina, utilizzati alla stregua di vere e proprie armi di seduzione, agli slanci passionali della spagnola, spesso capace di invenzioni sorprendenti a partire da un’estrema povertà di materie prime. Per giungere alle creazioni tipicamente nordiche della “cuoca rossa”, che attraverso i suoi piatti vuole contribuire al germogliare di nuove idee di giustizia sociale.

*BRIGATA RIVA SINISTRA

Andrea suona la chitarra, fa l’insegnante a Castano Milanese, e ancora saluta le donne col baciamano; sua sorella Rossana canta, e bene, fa la cuoca itinerante nelle valli del Parmense, e non si è mai vista imbronciata; la loro mamma Angela canta, fuma tante sigarette e guida la macchina a una velocità sconsiderata, per le tortuose strade della Val di Taro. La Brigata Riva Sinistra porta con sè canti di contestazione della Milano anni ’70, canzoni di speranza e canzoni d’amore, che poi forse son la stessa cosa. Per la celebrazione del femminino canteranno su un palco, ma pregate chiunque preghiate di solito per avere la fortuna di poterla ascoltare attorno a un tavolo, di fianco a voi, sotto un cielo stellato.

Read More

gender stories

 

Storytelling “Gender Stories”
Laboratorio e incontro

Mercoledì 30 novembre, ore 18:00
Evento Facebook: https://www.facebook.com/events/1836140260003769/

 

A pochi giorni di distanza dalla Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne e dalla manifestazione nazionale #nonunadimeno, la Libera Università di Grotta Rossa “Sara Iommi” e il collettivo Coming Out – Gruppo Rimini, in collaborazione con Un Secco No – Associazione di Promozione Sociale, organizzano una serata per affrontare il tema della violenza di genere tramite lo strumento dello storytelling.
ore 18-20
“Le ali me le costruisco da sola”
Laboratorio di arte terapia di e con Silvia Camagni e Giulia Bonora

Le autrici del libro di fiabe illustrate in favore delle vittime di violenza
“Le ali me le costruisco da sola” organizzano un laboratorio nel quale viene proposto alle partecipanti di raccontare le proprie esperienze di abuso e di interpretarle attraverso il linguaggio simbolico delle fiabe, scivendole ed illustrandole loro stesse.
All’interno del workshop viene riprodotto il metodo alla base della
stesura del libro: confronto ed empatia vengono sviluppati attraverso
la stesura di racconti brevi così come attraverso l’analisi degli archetipi fondamentali riprodotti nelle illustrazioni realizzate dalle partecipanti. Al termine del laboratorio verrà prodotto un libro sotto forma di fanzine che verrà distribuito all’interno dell’evento ed alle partecipanti stesse. Un workshop di arte terapia per identificare un linguaggio simbolico fortemente indicativo.

Attenzione: il laboratorio è rivolto ad un max di 10 partecipanti.
Contributo per partecipare al laboratorio: 10 euro
Per info e iscrizioni: Silvia – valhallamagazine@gmail.com
ore 20 cena a buffet

a seguire STORYTELLING: microfono aperto
Invitiamo ciascun* a raccontare episodi di violenza legata al genere, alla sessualità e agli stereotipi di eteronormatività.
In alternativa, inviateci la vostra storia anche in forma anonima a coming.out.rimini@gmail.com

ore 21
Libera Università “Sara Iommi”
Incontro con Barbara Spinelli e Elvira Airano (Rompi IL Silenzio Onlus)

Barbara Spinelli è avvocata penalista, attivista femminista ed esperta di femminicidio, autrice di numerosi saggi sulla violenza di genere tra i quali “Perché si chiama femminicidio”, in AA.VV. “FEMMINICIDIO – Il femminile impossibile da sopportare”.

“Rompi il Silenzio”, Centro Antiviolenza della provincia di Rimini, è nato nel 2005, e in poco più di dieci anni di attività ha accolto e sostenuto oltre un migliaio di donne nel percorso di uscita dalla violenza. Il Centro si avvale di operatrici formate e volontarie, che prestano la loro opera a titolo completamente gratuito, se necessario, e su richiesta delle utenti, supportate da avvocate, psicologhe, educatrici. Rompi il Silenzio gestisce anche una struttura a indirizzo segreto, in cui vengono ospitate donne la cui incolumità e integrità psicofisica è in grave pericolo, con i loro figli minori. Il Centro fa parte dei Coordinamenti Regionale e Nazionale dei Centri Antiviolenza e della Rete Antiviolenza Territoriale. Il centralino (346/5016665) è aperto tutti i giorni feriali dalle 15 alle 19.
Ingresso libero
La serata rientra nel ciclo di incontri sullo storytelling realizzati in collaborazione con Un Secco No – Associazione di Promozione Sociale. Il primo appuntamento Gender Stories è previsto per mercoledì 23 novembre alle ore 19:00 a Forlì.

Read More

prideoff

 

#PRIDEOff


“Se non posso ballare non è la mia rivoluzione!”
Emma Goldman

 

Sabato 30 luglio, ore 23.00
Evento Facebook: https://www.facebook.com/events/1011000218996869/

 

Dopo aver attraversato il corteo del Rimini Summer Pride, vi invitiamo a continuare la giornata di lotta con una favolosa festa queer il cui ricavato sarà devoluto a realtà che si occupano di immigrazione lgbtqia.

Vi aspettiamo dunque dalle ore 23.00 presso il Grotta Rossa (Spazio Pubblico Autogestito) di Rimini per il primo #PRIDEOff con dj rotation, installazioni, proiezioni, banchetti informativi e tante altre sorprese!

 

INGRESSO A OFFERTA LIBERA!!!

 

DJ ROTATION:

MARYLOURDES (Mario Di Martino + Lour Des) | campy/lazy/lady sound

Anna + PARTY MARTY (Enrico Martinelli from Hana-Bi)

Eli Felici (Tardigrada) | synth/minimal/electronic

ILIKEYOU (Silvia Andreini + Annagiulia Parisi) | electro/pop/indie

 

L’iniziativa rientra nel programma del Rimini Summer Pride a cui Grotta Rossa e il collettivo Coming Out hanno aderito con un comunicato che potete leggere qui.

 

Lo Spazio Pubblico Autogestito Grotta Rossa si trova in Via della Lontra 40 in zona Grotta Rossa di Rimini, a 5 min dal casello di Rimini Sud.

 

Per raggiungerci:

– DALL’AUTOSTRADA A14
Per arrivare a Grotta Rossa dall’autostrada, uscite a Rimini SUD e prendete per San Marino. Al primo semaforo girate a destra e continuate fino a trovare Via della Lontra, sulla destra. Prendetela e proseguite fino a metà della via, fino a vedere sulla destra il cancello con la scritta “Grotta Rossa Spazio Pubblico Autogestito”, il vialetto d’ingresso e il parcheggio.

– DA RIMINI
È possibile raggiungere Grotta Rossa dal mare o dal centro anche in bicicletta, percorrendo la pista ciclabile del Parco Cervi e di Via della Fiera, attraversando la statale e l’autostrada tramite l’apposito attraversamento ciclopedonale del cavalcavia.

Read More

oltre i confini e i generi

OLTRE I CONFINI E I GENERI

Un dibattito sul rapporto tra immigrazione e omosessualità

 

ATTENZIONE!!! L’evento non si svolgerà più presso il Chiostro della Biblioteca ma presso lo Spazio Pubblico Autogestito Grotta Rossa in Via della Lontra, 40.

Mercoledì 27 luglio, ore 19.00
presso il Chiostro della Biblioteca Gambalunga lo Spazio Pubblico Autogestito Grotta Rossa
Evento Facebook: https://www.facebook.com/events/278605609182481/


Un incontro per trattare il tema delle difficoltà che un immigrato omosessuale ha nel chiedere lo stato di rifugiato in Europa e a convivere con la propria comunità nazionale dopo l’espatrio.

Infatti gli stranieri lgbtqia si trovano spesso, a causa dell’orientamento sessuale e/o dell’identità di genere, ad essere doppiamente emarginati e quindi doppiamente minoranza: perseguitati in una patria da cui sono fuggiti e con il timore dell’esclusione da parte della comunità di appartenenza una volta arrivati in Europa.

Il dibattito sarà introdotto da Eleonora Zavatti di Coming Out – Gruppo Rimini.

Nel corso della serata incontreremo alcune associazioni e realtà che si occupano di immigrazione lgbtqia. Tra i relatori:

– Pier Cesare Notaro, coordinatore del sito web d’informazione Ilgrandecolibri.com – Essere LGBT nel mondo (in collegamento Skype);

– Jonathan Mastellari dell’Associazione MigraBO’ LGBT (contributo video);

– Porpora Marcasciano del MIT – Movimento Identità Transessuale (in collegamento Skype);

– alcuni operatori della Cooperativa sociale centofiori di Rimini;

– l’etnopsichiatra Leonardo Montecchi di Rimini.

A conclusione dell’incontro, aperitivo a buffet di autofinanziamento.

L’evento si terrà presso il Chiostro della Biblioteca in Via Gambalunga, 27 lo Spazio Pubblico Autogestito Grotta Rossa.

L’ingresso è libero.

L’iniziativa rientra nel programma del Rimini Summer Pride a cui Grotta Rossa e il collettivo Coming Out hanno aderito con un comunicato che potete leggere qui.

Read More

rimini summer pride

 

Perché e in che modo parteciperemo
al Rimini Summer Pride

 

Finalmente anche Rimini ha il suo Pride!

La parata dell’orgoglio gay, ma anche lesbo, bisessuale, trans, queer, intersessuale e asessuale, nasce nel 1969 a New York come forma di protesta contro la repressione e i soprusi attuati dalla polizia nei confronti di gay, transgender e lesbiche. La notte del 28 giugno 1969 fu la transessuale Sylvia Rivera, lanciando per prima una bottiglia contro un poliziotto, a dare il via ai “moti di Stonewall”, così chiamati dal nome del locale in cui scaturì la protesta e generalmente considerati come il momento di nascita del movimento di liberazione gay moderno. Un movimento che rifiutava l’integrazione degli omosessuali nella società, giudicata incapace di accettare le diversità, sostenendo piuttosto che essa andasse rivoluzionata.

È importante ricordare questa storia per avere ben chiare le origini di questa manifestazione e per confrontarla con l’oggi. Come collettivo Coming Out, un gruppo lgbtqia che si batte contro ogni forma di discriminazione, attivo all’interno dello spazio pubblico autogestito Grotta Rossa di Rimini, ci siamo interrogat* spesso su quale fosse il senso e la portata rivoluzionaria che il Pride può avere ancora oggi. Siamo ben coscient* dei limiti delle attuali rivendicazioni politiche incentrate quasi esclusivamente sull’allargamento dei diritti in modalità conciliante e del rischio di spettacolarizzazione fine a se stessa che accompagna questi grandi eventi, che spesso finiscono per essere gestiti in un’ottica di marketing del turismo, diventando un’occasione di pinkwashing da parte delle istituzioni e di grosse aziende multinazionali alla conquista di una nicchia del mercato…

Ma siamo anche convint* che sia ancora possibile attraversarli portando dei messaggi diversi, mostrando le numerose battaglie che ci vedono quotidianamente attiv* in maniera trasversale su più fronti. Perché solo con il confronto, la solidarietà e l’intersezione tra le diverse lotte è davvero possibile abbattere le barriere che ci dividono, come ci insegna la storia dello sciopero dei minatori del Galles raccontata nel film Pride di Matthew Warchus, in cui un gruppo di minatori del Galles riceve un inaspettato supporto da un gruppo di gay e lesbiche londinesi.

Come prima cosa, vogliamo tornare a parlare forte e chiaro anche nella nostra città di omolesbotransfobia e delle sue relazioni con il fascismo, soprattutto dopo che nelle ultime settimane, man mano che si diffondeva la notizia del primo Pride riminese, il segretario del partito Forza Nuova Rimini ha lanciato su Facebook un evento per protestare contro quella che molti definiscono “una pagliacciata”, facendo leva sulla presunta scabrosità di questo tipo di celebrazione dove, ad esempio, è addirittura possibile vedere due uomini che osano baciarsi in pubblico, oppure trans, lesbiche e altri soggetti esprimere liberamente la propria sessualità girando mezzi nudi per strada, davanti agli occhi innocenti dei bambini…

La cosa non ci sorprende e non ha sorpreso nemmeno la comunità lgbtqia e gay friendly, che in massa ha risposto “trollando” ogni singolo commento omofobo e lanciando messaggi d’amore in risposta a tanto odio, lo stesso odio che recentemente in America, a Orlando, è stato rivolto verso i frequentatori di un locale gay causando la peggiore strage mai avvenuta negli USA…

Non ci sorprende, dicevamo, che coloro che si fanno quotidianamente portavoce di messaggi di intolleranza verso la diversità, compiendo gesti esplicitamente razzisti come le collette alimentari fuori dai supermercati allo slogan di “prima gli italiani”, ergendosi a tutori della “sicurezza” cittadina con le ronde “contro il degrado” al fine di allontanare prostitute, senzatetto e spacciatori, gli stessi che si allenano all’uso del coltello e del bastone per compiere attacchi violenti contro omosessuali, musulmani, rom e oppositori politici, non si siano lasciati sfuggire l’occasione per farsi ancora una volta promotori di una cultura retrograda e sessista che affonda le sue radici nel patriarcato, nel cattofascismo e in una moralità bigotta che, ad esempio, finge di tollerare l’amore fra due persone dello stesso sesso purché sia nascosto e relegato dentro le mura domestiche.

Questo atteggiamento omofobo e fascista non appartiene soltanto a pochi estremisti ma è un sentimento assai diffuso, come dimostrano i continui presìdi ad opera delle Sentinelle in Piedi e come dimostra il banchetto “Stop al gender” che il partito Fronte Nazionale per l’Italia ha allestito lo scorso inverno in piazza a Rimini ogni sabato mattina, mettendo all’indice quei libri che cercano di portare all’interno delle scuole messaggi di apertura verso tutte le differenze, di superamento dei tradizionali ruoli di genere, di inclusione e accettazione di ogni tipo di famiglia e di amore.

Spesso l’omofobia è interiorizzata dalla stessa comunità omosessuale, che alla carica rivoluzionaria del discorso critico innescato dai gender studies, con la decostruzione dei ruoli di genere e del modello di famiglia tradizionale e l’apertura ad altre forme di affettività e intimità al di fuori dalla coppia, preferisce sfilare al Pride “in giacca e cravatta” per non dare scandalo, o finisce per concentrare tutti gli sforzi di anni di lotte e battaglie per elemosinare briciole di diritti (vedi il ddl Cirinnà) da parte di uno Stato che continua a trattarci come una minoranza, come l’eccezione alla regola, riaffermando di fatto la norma eterosessuale che domina ogni ambito della società e una visione strettamente binaria dei generi.

Noi non siamo una minoranza ma una moltitudine variegata di soggett* che non si accontentano del matrimonio omosessuale perché i nostri desideri e i nostri bisogni vanno ben oltre il riconoscimento che lo Stato potrà mai concedere al nostro amore.

Siamo antifascist*, anticapitalist*, antirazzist*, in alcuni casi anche antispecist*. Siamo femministe. Siamo etero, gay, lesbiche, trans, queer, intersessuali, asessuali e niente di tutto questo. Siamo neri, gialli, bianchi. Siamo credenti e miscredenti. Siamo disabili. Siamo prostitute per nostra scelta. Pratichiamo diverse forme di amore e di desiderio. Siamo lavoratori e lavoratrici precar* e sfruttat*. Siamo disoccupat*. Siamo migranti oltre i confini e i generi. Siamo per l’intersezionalità delle lotte.

Chiediamo più tutele sul lavoro e forme di reddito minimo garantito per vivere una vita dignitosa e incline ai nostri bisogni e desideri. Chiediamo l’acqua pubblica. Chiediamo la difesa dell’ambiente e la salvaguardia della biodiversità. Chiediamo una più efficiente assistenza sanitaria per noi stess* e i nostri famigliari, per non essere costretti ad assolvere ruoli di cura che non ci appartengono. Chiediamo più spazi sociali per promuovere una cultura e una socialità non mercificate. Chiediamo il diritto alla casa perché senza un tetto sotto cui vivere non possiamo amare. Chiediamo libertà di movimento per tutt*, libertà di transitare attraverso i territori e i generi.

Con questi obiettivi e questo orizzonte di battaglie condivise, invitiamo tutte le associazioni e le forze sociali e politiche, nonché tutti/e i/le singol* che si riconoscono nel valore dell’accoglienza, che lottano per l’estensione dei diritti e per un cambiamento culturale della società in un’ottica inclusiva di tutte le diversità, ad attraversare insieme a noi il Rimini Summer Pride di sabato 30 luglio, sottoscrivendo e diffondendo questo comunicato e portando queste rivendicazioni all’interno della parata.

Vi invitiamo inoltre a partecipare all’iniziativa di mercoledì 27 luglio OLTRE I CONFINI E I GENERI, un dibattito sul rapporto tra immigrazione e omosessualità che si terrà alle ore 19.00 presso il chiostro della biblioteca comunale di Rimini in via Gambalunga 27. Per l’occasione, incontreremo alcune associazioni e realtà che si occupano di immigrazione lgbtqia: Pier Cesare Notaro coordinatore del sito web d’informazione IlGrandeColibri.com – Essere LGBT nel mondo, Jonathan Mastellari dell’Associazione MigraBO’ LGBT, Porpora Marcasciano del MIT – Movimento Identità Transessuale, alcuni operatori della Cooperativa Centofiori di Rimini e l’etnopsichiatra Leonardo Montecchi. A conclusione dell’incontro, aperitivo a buffet di autofinanziamento. L’ingresso è libero.

Immediatamente dopo il Pride di sabato 30 luglio, abbiamo pensato a un momento conclusivo per continuare la giornata di lotta con una favolosa festa queer con ingresso a offerta libera, il cui ricavato sarà devoluto a realtà che si occupano di immigrazione lgbtqia. Vi aspettiamo dunque dalle ore 23.00 presso lo Spazio Pubblico Autogestito Grotta Rossa per il primo #PRIDEOFF – Se non posso ballare non è la mia rivoluzione!, con DJ rotation, installazioni, proiezioni, banchetti informativi e tante sorprese!

 

LIBER* E RIBELL* OLTRE I CONFINI E I GENERI

 

Collettivo Coming Out – Rimini

Grotta Rossa (Spazio Pubblico Autogestito)

 

Per sottoscrivere l’appello scrivi a coming.out.rimini@gmail.com

 

Sottoscrizioni:

Collettivo Degender

Un Secco No – Associazione di Promozione Sociale

Over the Rainbow – Lugo-Ravenna per l’uguaglianza

Rimini in Comune – Diritti a Sinistra

Rimini Antifascista

Read More