Consumo critico


Da tempo Grotta Rossa sceglie di tenere nella sua cucina prodotti senza alcun derivato animale, promuovendo, insieme allo stile di vita vegan, il consumo di prodotti biologici e provenienti da produttori locali.

Questa scelta non è solo spinta da motivazioni etiche. Non è una scelta di buonismo nei confronti degli animali e della natura come molti pensano… e non è nemmeno una semplice scelta salutista. In realtà si tratta di uno dei tanti aspetti del nostro percorso politico, una vera e propria lotta nel quotidiano partendo da un bene essenziale e primario: l’ALIMENTAZIONE.

Se riflettiamo su tutto ciò che ognuno di noi compra quotidianamente, ci possiamo facilmente rendere conto che finanziamo ogni giorno industrie e multinazionali che spesso e volentieri lucrano sulla pelle di altri: chi sfrutta minorenni, chi intere popolazioni, chi fa degli animali una merce, chi distrugge e inquina l’ambiente.…

Sembra un meccanismo lontano anni luce, eppure ogni giorno, con un semplice acquisto, siamo noi stessi a rinforzare chi si arricchisce con la sofferenza degli altri, chi non guarda in faccia a nessuna esistenza, nemmeno al benessere della propria specie e alla propria salute.

Noi abbiamo scelto di boicottare i prodotti derivati da ogni tipo di sfruttamento:

  • per questo boicottiamo Lavazza, prodotto che supporta l’economia di sfruttamento israeliana;
  • per questo boicottiamo Coca Cola e Nestlé, pilastri del capitalismo che sfruttano i paesi in via di sviluppo;
  • per questo nel tuo piatto trovi verdure di stagione, non trattate con prodotti nocivi, acquistate direttamente dal produttore anziché passare da intermediari che rincarano il prezzo di vendita;
  • per questo nella maggior parte delle nostre iniziative mangi VEGAN.

Ogni prodotto derivato dal mondo industriale che implichi la presenza di un animale è di certo ricavato con sofferenza. Non solo la carne ma anche le uova (basti pensare alle condizioni delle galline allevate in batteria) ed il latte (non servono grossi studi per sapere che un mammifero NON produce latte per tutta la sua esistenza ma solo in particolari casi…).

Consumare questi prodotti significa anche incentivare l’espansione degli allevamenti intensivi che sono una delle principali cause di deforestazione e scarsità d’acqua, comportando anche un maggior impiego dei campi di cereali per i mangimi animali anziché per sfamare intere popolazioni.

Per una sera mangiare qualcosa di diverso dalla tua solita cena non ti uccide, al contrario, ne acquisti in salute e risparmi sofferenza ad altri esseri viventi.

 

Buon appetito……

 

… e piatto pulito!

(già, perché per non sprecare plastica stai mangiando in un piatto vero quindi, se ti va, puoi lavarlo tu!)